Silvia, quando la gratitudine si trasforma in mammitudine :)

mother-1245764_1280

Ho conosciuto Silvia attraverso il mio blog,  era incinta del suo piccolo Diego quando ha iniziato a seguirmi e piano piano siamo diventate amiche virtuali. E’ una donna piena di forza e sensibilità, forse fra le donne virtuali che conosco è quella che meno la manda a dire. Ha accettato volentieri di parlare della sua esperienza di neo mamma.  Essere mamma per lei è gratitudine, si proprio gratitudine, nei confronti della sua mamma che la messa al mondo, dandole la vita le ha dato la possibilità di essere mamma. Trovo questo pensiero molto dolce e molto intimo, la sua maternità è quasi come un passaggio di consegne di cui lei è grata e che di sicuro avrebbe voluto compiere prima o poi. L’essere mamma, infatti, per lei significa:- La cosa più bella del mondo ringrazio sempre la mia mamma per avermi donato la vita, questo grande bene prezioso e poi aggiunge:-  Lo sto imparando giorno dopo giorno e grazie al mio piccolo Diego piano piano apprendo. Significa responsabilità di un essere indifeso a cui si deve essere l esempio per insegnargli l educazione 

In tutta la gravidanza, al pari delle altre mamme anche Silvia ha sentito il peso degli altri. Ha saputo reagire in maniera più consona, ma questo comunque le ha dato fastidio. Diciamocelo è attraverso la gravidanza che si scorgono le vere amicizie. Quasi come se il diventare mamme per le altre donne fosse come un affronto, un aver tolto qualcosa. Cosa sia quel qualcosa ancora non si sa, ma c’è! Afferma infatti che quando è diventata mamma ha sentito l’ invadenza delle persone che magari non si facevano sentire da una vita ma nel momento dovevano rompere le scatole.

Il ricordo dei genitori è sempre presente nelle parole di Silvia, che ha provato amore misto a commozione era il mio sogno in carne ed ossa quando ha preso per la prima volta in braccio il suo piccolo Diego. Lei è molto legata ai suoi genitori, difatti, il ricordo che le passa per la mente dicendo mamma è legato al senso di amore e protezione che mi hanno trasmesso i miei genitori insieme ai valori della famiglia.

La paura più grande di cui soffre Silvia è legata al male che c’è nel mondo. Ho paura che qualcuno potesse fare del male a Diego e vorrei preservarlo e difenderlo insegnandogli a difendersi in questi casi. In ogni caso lei spera di trovare nella vita di Diego una strada rosea con poche spine. 

Della crescita di Diego se ne occupa Silvia tutto il giorno, perché le nonne una è anziana e quando può mi aiuta,  l’altra vive lontano. 

In Silvia traspare tutta l’invadenza tipica subita delle donne che alla sola idea che un’altra abbia un figlio, si trasformano. A chi non è successo di perdere amicizie, che forse non lo erano solo per l’avere un compagno che ci ama oppure un figlio?

Questo il limite delle donne, l’incapacità di essere felici per le gioie altrui. Io però non mollo e attraverso queste storie vi racconto l’esistenza di grandi donne, le quali, c ogni una a modo proprio, è UNA GRANDE DONNA E UNA GRANDE MADRE. Alla prossima!

 

Il momento giusto per la ninna:strategie per notti serene

baby-1151351_1280.jpg

Non esiste un orario universale per la messa a letto dei nostri piccoli, questa varia dall’età alle abitudini di ciascuna famiglia. E’ buona norma, tuttavia, avere degli orari regolari e non fare molto tardi la sera.  A tal proposito possiamo prendere in considerazione quelli che sono gli aspetti generali per una buona messa a letto dei nostri piccoli.

Di quante ore di sonno ha bisogno tuo figlio? Ogni bambino ha bisogno di un numero specifico di ore di sonno. Queste dipendono dall’età e dallo stile di vita di ogni famiglia, esistono tuttavia, delle ore di sonno sotto le quali non bisognerebbe scendere.

Stabilisci delle regole quotidiane. È fondamentale per tuo figlio avere una routine quotidiana affinché cresca sereno. I bambini sono abitudinari, per cui riuscire a metterlo a letto sempre allo stesso orario è una buona norma. Avere dei ritmi regolari e quotidiani favorisce la predisposizione ad andare a letto sempre allo stesso orario.

Impara a percepire i suoi  segnali di stanchezza. Ogni bambino ha i suoi segnali di stanchezza. In genere i piccoli tendono a stropicciarsi gli occhi, ma ci sono anche altri segnali. Ad esempio ci sono bambini che si toccano l’orecchio, altri che iniziano a dondolarsi sulla sedia. Osserva quali sono le caratteristiche di tuo figlio, ciò ti aiuterà, accanto alla routine quotidiana, a metterlo a letto con più serenità.

Rispetta il ciclo buio-luce. Le ore di luce e buio sono un ottimo strumento per stabilire una routine quotidiana per la messa a letto dei piccoli. E’ pur vero che in ogni famiglia ci sono degli orari e le mamme che lavorano non riescono a rispettare alla lettera le ore di luce e buio, prova in ogni caso a non allontanarti troppo da questo ritmo, in questo modo sarà più efficace all’arrivo del buio portare tuo figlio a letto.

Come vedi mamma ogni bambino ha le sue caratteristiche ed ogni famiglia le sue abitudini. Ci sono però delle norme generali tipiche del bambino che se rispettate ti renderanno la vita più semplice. In bocca al lupo e alla prossima!