Come nasce una mamma psicologa

20170527_172350

Era l’estate del 2016, Maya aveva compiuto tre anni ed io avevo ripreso il lavoro da poco. Fino ad allora mi ero occupata di tutt’altro, sono una psicologa ed ho sempre lavorato nell’ambito delle risorse umane e in ambito psichiatrico, quest’ultimo il mio grande amore. Ho smesso di lavorare ( in realtà sono stata licenziata a causa della gravidanza) poiché in quel periodo le corse in ospedale erano all’ordine del giorno. Sul momento non mi importava di essere stata licenziata, o meglio non avevo le forze per affrontare una causa che sicuramente sarebbe stata vinta. Ho tirato i remi in barca ed ho cercato di fare del mio meglio per godermi la maternità e trovare un po’ di serenità. Dovete sapere che durante la gravidanza e dopo, le ho passate tutte, mi fu diagnosticata la trombofilia, per cui ho dovuto fare delle siringhe fino ad una settimana dal parto, paure strane, ( pensavo che Maya si sciogliesse nelle urine) depressione post partum, tunnel carpale e diagnosi della fibromialgia. Quello che doveva essere il momento più bello della mia vita si era trasformato in un momento davvero difficile! La cosa peggiore era il confronto con le altre mamme che ne sapevano sempre qualcosa in più, anche quelle che non erano mamme ne sapevano più di me. Pensavo sempre ma perché c’è questa acredine fra le donne? Perché tanta competizione? La risposta è sempre la stessa, le persone non fanno la vita che vorrebbero! Non sono mai stata una appassionata di blog mammeschi, non conoscevo alcun blog nello specifico, ignoravo questo mondo, conoscevo soltanto la pagina cose da mamme. Mai avrei immaginato che fioriscono blog di mamme come i funghi in autunno! Allo stesso tempo pensavo che mi sarebbe piaciuto dare ad altri quello che era mancato a me e che spesso, anzi sempre, manca alle altre mamme, un po’ di comprensione. Di qui la decisione di aprire il blog, di mettere a conoscenza le mamme di quello che le aspetta e perché no usare le mie competenze professionali per creare un luogo di accoglienza. L’idea si è trasformata in questo blog e poi in laboratori e percorsi per le mamme,  perché ogni mamma è diversa,  ogni mamma deve sapere che sta facendo del suo meglio per crescere il bambino, ogni mamma è speciale. Alla prossima!

Rosaria Uglietti una mamma psicologa

Facebook Comments

8 Replies to “Come nasce una mamma psicologa”

    1. ciao Silvia, come stai? in verità pensavo che non stessi scrivendo, poiché non mi arrivavano le notifiche del tuo blog, pensavo, quindi, che ti stessi dedicando, come è giusto che sia a Diego. Leggo, invece, che c’eri. 🙂 Come stai? Un bacino al piccolo.

        1. stiamo bene Silvia, il 4 maggio mi sono sposata anche in Chiesa, non so se ricordi che mio marito è ateo, quindi ai tempi scelsi il Maschio Angioino e il rito civile. Oggi ho avuto l’opportunità di fare il rito misto 🙂 Sono andata in Parlamento con altre mamme blogger per parlare della situazione italiana delle mamme, insomma mi do da fare nonostante qualche acciacco 😀

          1. Che brava Rosaria…tantissimi auguri x il tuo matrimonio in Chiesa Rosaria 😍😍per quanto riguarda la situazione delle mamme se posso dare il mio piccolo contributo lo do tranquillamente Rosaria é una giusta causa che mi sta a cuore😘😘😘

          2. Grazie mille Rosaria calcola che questa domenica avrò il battesimo di Diego la prossima settimana ti contatto 😙😙😙

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *