Svezzamento:consigli per le neo mamme

2zf4cnd

E’ risaputo ormai che a partire dal sesto mese in poi è possibile introdurre nell’alimentazione dei nostri piccoli altri alimenti oltre al latte ( materno o artificiale in base alle proprie situazioni personali).

La domanda che molte mamme si pongono è:- Quale svezzamento è migliore per mio figlio, quello tradizionale oppure l’auto-svezzamento?

Iniziamo col dire che a sei mesi il piccolo è pronto per avere altri nutrimenti oltre al latte materno, ciò, tuttavia, non significa che il latte materno debba essere eliminato automaticamente. L’allattamento, infatti, è uno strumento di nutrizione e di sicurezza per il nostro piccolo e ogni bambino è differente, allo stesso modo in cui ogni madre ha le sue esigenze e quindi non possiamo fare altro che dare dei principi guida che ognuna sceglierà sotto esclusivo consiglio del proprio pediatra e di nessun altro.

hpe0q1k1

L’allattamento negli ultimi periodi è consigliato fino ai due anni, ma come dicevo prima ogni madre può scegliere in base alle proprie idee e esigenze. 

L’unica domanda che devono porsi le madri è soltanto rispetto all’ordine degli alimenti da somministrare, che in genere sono diversi da luogo a luogo perché rispecchiano la cultura gastronomica del luogo natio. Ciò che in genere è proposto riguarda l’introduzione di verdura e ortaggi cotti e passati, frutta quale mela, pera o banana grattugiata e la crema di riso nel latte.

Successivamente è possibile dare i carboidrati e le proteine animali, queste ultime non devono eccedere nell’alimentazione del nostro piccolo. Personalmente mangio poca carne e metto poco sale nei cibi, oggi sappiamo anche che il latte vaccino non è così indispensabile come si credeva un tempo, per cui io cerco di seguire queste linee guida per mia figlia. Le ho fatto assaggiare tutto, ormai ha tre anni e mezzo, pasta, riso, carne e verdure, nonché i legumi. Riguardo la carne come dicevo prima ne mangia poca perché preferisco che mangi tutti i legumi i quali hanno proprietà ben più nutritive e sicure rispetto alla carne. Ha assaggiato anche altri tipi di latte oltre  a quello vaccino e dopo i cinque anni ( periodo in cui la lattasi sarà terminata) se non volesse più latte vaccino non me ne farò un problema.

Un errore tipico delle mamme è quello di eccedere con formaggio, formaggini e carne che rendono più difficile il metabolismo del piccolo e che influiranno anche successivamente il suo sviluppo. Evitare anche prima dell’anno di età di aggiungere zucchero, miele e sale nei cibi e in caso di allattamento artificiale evitare di aggiungere biscotti prima dei sei mesi. Allo stesso modo evitare di dare latte o yogurt troppo povero di grassi, i nostri piccoli non sono a dieta, salvo situazioni specifiche che solo un medico potrà costatare. Il buon senso in questi casi e l’aiuto del pediatra devono essere le nostre linee guida per l’alimentazione dei nostri piccoli. Cerchiamo di evitare i consigli della nonna, le conoscenze scientifiche sono diverse da quelle di un tempo e quindi è bene non farsi confondere le idee. Alla prossima!

Rosaria Uglietti una mamma psicologa

Facebook Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *