Coccole e bagnetto:strategie per una notte da sogno…

Arriva la sera e in molte case in cui ci sono bimbi, giunge il momento del bagnetto, una routine utilizzata da molte mamme per conciliare il sonno dei piccoli. Questa pratica, oltre ad essere un momento importante per favorire il sonno, è fondamentale per lo sviluppo psicofisico del bambino. Il contatto con il bambino, le carezze durante il bagno e soprattutto quelle dopo, attraverso il massaggio, di cui parlerò in un’altra occasione, hanno un grande beneficio sulla crescita e lo sviluppo del piccolo, che imparerà, di riflesso, ad avere fiducia in chi si occupa di lui e in se stesso. Un altro aspetto di fondamentale importanza nel rito del bagnetto è rappresentato dalla comunicazione. E’ utile, fin da quando sono piccoli,  parlare con i nostri cuccioli, questo sarà propedeutico per lo sviluppo del linguaggio.

Vediamo insieme quali sono i passi da seguire nella routine quotidiana del bagnetto.

Due sono gli aspetti da non trascurare nella preparazione del bagnetto, la temperatura della stanza e quella dell’acqua, queste devono essere ottimali, altrimenti, si otterrà l’effetto opposto, i piccoli anziché rilassarsi tenderanno ad innervosirsi. Nello specifico, l’acqua non deve superare i 37 gradi e la stanza deve essere intorno ai 22. Sarebbe opportuno, per godersi questo momento insieme ( i piccoli non vanno mai lasciati incustoditi) prepararsi tutto prima, dagli asciugamani alle cremine. Allo stesso modo, sarebbe auspicabile, ove possibile, avere il fasciatoio in bagno per evitare cambiamenti bruschi di temperatura e dove questo non è possibile, cercare di avere una temperatura uguale in tutta la casa. Un consiglio per le future mamme potrebbe essere quella di avere un fasciatoio a muro se il bagno è piccolo e non permette di averne uno aperto. Un’altra raccomandazione importante per le neo mamme è reggere la testina dei piccoli in maniera delicata e soprattutto i movimenti devono essere molto dolci. I piccoli sono abituati all’acqua, sono stati immersi 40 settimane ( a volte si a volte no :D) nel liquido amniotico, ma i movimenti bruschi li spaventano, quindi sarebbe opportuno non farli. Può capitare, infatti, che si abbia paura di farli scivolare e allora si tende ad avere delle prese forti e brusche e a fare dei movimenti decisi, questo li potrebbe spaventare, fatevi aiutare dal compagno le prime volte se vi emozionate troppo.  Avere una routine condivisa, oltre ad essere un aiuto, sarà un foglio in più nell’album dei ricordi. Se il bimbo è un po’ più grandicello e quindi ha la capacità di stare seduto lasciate che si muova ( rimanendo attenti e vicini, per evitare che combinino guai)! Scaricare le energie durate il movimento in acqua non potrà che favorire il sonno. Ai bambini piace molto stare in acqua, quindi, è sempre meglio avvertirli  prima di farli uscire, magari con qualche frase ripetuta ogni volta che indica al piccolo che è il momento di uscire. Un esempio potrebbe essere.-adesso andiamo a coccolarci con un bel massaggino.

Il massaggio prima o dopo il bagnetto influenza positivamente sia la qualità che la quantità di sonno dei nostri piccoli. Il contatto con i genitori ( anche se in genere è la mamma che se ne occupa) rinsalda l’attaccamento con le figure genitoriali e favorisce la sicurezza. Di questo, tuttavia, come ho detto in precedenza ne parlerò in un’altra occasione. In conclusione, avere una routine quotidiana che permette a genitori e piccoli di condividere momenti di delicatezza, coccole e amore favorisce lo sviluppo e accompagna i bambini nel mondo dei sogni. Buon bagnetto a tutti e alla prossima !

Rosaria Uglietti una mamma psicologa

Facebook Comments

10 Replies to “Coccole e bagnetto:strategie per una notte da sogno…”

  1. Ciao Rosaria ecco l’articolo che aspettavo!:) ti ringrazio per l’esaustività del contenuto…l’ho letto veramente con interesse…trovo che sia un momento di condivisione e maggior unione tra mamma e figlio. Dopo averlo lavato, le coccole e le carezze che si fanno al piccoletto tra l’altro ci possono rilassare molto;)….vorrei chiederti un parere pratico. Ho messo il fasciatoio gonfiabile di ikea in bagno sulla lavatrice e vicino ho tutto l’occorrente per il bagnetto….vorrei appendere al muro del bagno sopra il fasciatoio una struttura con delle tasche dove inserire l’occorrente che può servire per il bagnetto e il cambio…Che mi consigli di tenere a portata di mano? premetto che a me non piacciono molte i bagni schiuma che contengono molti ingredienti e vorrei inizialmente poterlo lavare con l’amido di mais o riso ..che ne pensi?inoltre, secondo te l’olio di mandorle può essere indicato per il massaggio?
    un abbraccio Silvia

    1. Ciao Silvia, la bellezza dei prodotti ikea è la loro grossa praticità, l’importante è l’attenzione che sicuramente presterai nelle manovre del cambio, prestandone in particolare alla testolina, puoi aiutarti anche con degli asciugamani. Riguardo i bagno schiuma i bambini piccoli non necessitano di tutti questi prodotti schiumogeni che diciamocelo piacciono di più alle mamme, lavalo tranquillamente con amido di riso, quando crescerà potrai iniziare ad usare qualche olio da bagno non schiumogeno, la cui poca schiuma deriva dallo zucchero. Riguardo l’olio di mandorle va benissimo, se dovessi trovarlo eccessivamente ricco e/o nutriente puoi chiedere sempre in erboristeria un olio da massaggio più delicato. Mi raccomando non usare mai un olio essenziale sulla pelle del tuo piccolo, creano irritazioni, gli oli essenziali sono irritanti per gli adulti figuriamoci per i piccoli. A presto !

  2. Ciao Rosaria,
    grazie mille per il tuo prezioso consiglio avevo sentito parlare dell’amido di mais ma dove posso acquistarlo? si mi piace anche perché lo trovo naturale e sarò almeno sicura che non contiene un inci disastroso :(( bisogna stare attente a tutto….
    un abbraccio
    Silvia

    1. L’amido di mais ormai si vede anche sugli scaffali dei centri commerciali, altrimenti nei negozi di detersivi ben forniti, sicuramente in farmasanitaria o farmacia, ma lì il prezzo è triplicato.

  3. Questa mattina andando al supermercato negli scaffali delle farine ho trovato anche l’amido di mais …per scrupolo nn l’ho comprato non vorrei che rientrasse unicamente nella categoria alimento per preparati quali i dolci:(( secondo te può andar bene?
    baci

    1. Ahahhahaah credo che se qualcosa possiamo ingerirlo possiamo anche metterlo addosso, in ogni caso a parte le battute per sdrammatizzare, si puoi usarlo, la differenza fra amido di riso e amido di mais è che il primo è più indicato per uso cosmetico, mentre l’amido di mais essendo più astringente è più indicato ad esempio al posto del talco ( anche se ti consiglio di non mettere alcuna polvere addosso al piccolo dopo averlo asciugato, ci possono essere sempre reazioni inaspettate, quali tosse asmatica) oppure nelle scarpe da ginnastica in caso di sudorazione ai piedi. Ti dirò anche che in acqua puoi usare anche il semplice bicarbonato se non vuoi utilizzare detergente, i piccoli non hanno un sudore acido e quindi la loro igiene non deve essere aggressiva. Pensa che il bicarbonato lo si usa anche per le donne in caso di infezioni o irritazioni delle mucose intime, al posto delle tanto decantate lavande che costano tanti soldi ma arricchiscono solo le tasche delle case farmaceutiche 🙂

  4. AHAHHAH…infatti immaginavo allora quando rivado lo comprerò sicuramente per ritrovarlo al ritorno dall’ospedale;) grazie per lo spunto del bicarbonato anche questo potrei usare ..

    1. 🙂 io comprai l’impossibile per Maya una scorta quasi annuale di prodotti, ma io ero giustificata dal fatto che non potevo uscire a fare la spesa da sola, tu se invece sei amante delle compere puoi dire che te lo ha detto la psicologa e che non puoi subire traumi 😀 io l’unica cosa che non ho mai fatto, ma questo, in genere nella vita è seguire le mode e quindi la marca del momento e fortunatamente la mia pediatra non è legata ad alcun marchio. Posso dirti ad esempio che comprai l’acqua amorosa solo per far cambiare più tipi di acqua possibile, una sola bottiglia, ( il sapore tra l’altro è sgradevole) tra le pappe al momento del divezzamento comprai solo una volta humana e Maya lo rigettò. Di questo in seguito scriverò 😀

  5. 😉 si mi piace girare e fare compre però quelle strettamente mirate, non mi piacciono gli sprechi questo no…neanche io sono un’appassionata di marche, per me l’importante che il prodotto sia buono e contenga un buon inci per il resto passo sopra a tutto….
    attendo i tuoi prossimi articoli cara Rosaria e per il momento ti ringrazio tanto;)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *